COVID-19 e infortuni: l'applicazione dei protocolli esclude la responsabilità dell'azienda.

Aggiornato il: giu 30



A seguito di una interrogazione parlamentare a risposta immediata, il Sottosegretario Di Piazza ha chiarito alcuni aspetti problematici sollevati.

In particolare veniva sottolineato come sia difficile accertare che l'infezione da coronavirus sia avvenuta sul luogo di lavoro.


Infatti, il Decreto Cura Italia ha equipato tale malattia a infortunio sul lavoro con conseguenze anche gravissime sul datore di lavoro, per il quale in caso di morte da infortunio sul lavoro è prevista la responsabilità penale.


Il Sottosegretario ha chiarito come i contagi da Coronavirus siano "da ricondurre, a tutti gli effetti, nell'ambito degli infortuni sul lavoro e ciò sulla base di un consolidato orientamento dell'istituto, della scienza medico-legale, nonché della giurisprudenza."


Precisa inoltre il Sottosegretario come siano stati previsti dei Protocolli per agevolare l'adozione di norme di sicurezza anti-contagio nei luoghi di lavoro e pertanto una responsabilità sarebbe ipotizzabile solo in via residuale, nei casi di inosservanza delle disposizioni a tutela della salute dei lavoratori.

23 visualizzazioni

IGIENE E SICUREZZA: proteggi i tuoi clienti e i tuoi dipendenti, offrigli la sicurezza che meritano!

Il marchio IGIENE AMBIENTI LAVORO℠ garantisce il rispetto di standard di igiene e sicurezza nell'interesse dei clienti, dipendenti e tutte le persone fisiche che accedono a locali commerciali, studi professionali e ambienti di lavoro.  

L'affidabilità della certificazione è garantita da controlli e sanzioni per il mancato rispetto.

Il marchio IGIENE AMBIENTI LAVORO℠ e il relativo protocollo sono depositati presso l'UIBM come marchio di certificazione con numero 302020000032770.

  • Facebook Icona sociale
  • LinkedIn Icona sociale

info@igieneambientilavoro.it  +39.3663589673

IGIENE AMBIENTI LAVORO è un marchio e progetto © 2020 by Asana Srl P.IVA 10504200964